L’omaggio di Jorit Agoch al maestro Vinicio Capossela

 

 

Tredici giorni di lavoro sono serviti a Jorit Agoch per realizzare questo capolavoro, nel mezzo della campagna Irpina, in una zona chiamata Baronia, nel comune di Vallesaccarda, il volto del maestro Vinicio Capossela ha preso vita sulla parete di un edificio di 16 metri.

Vinicio Capossela ha fatto conoscere l’Irpinia come terra di tradizioni scevre dal peso di un folklore svilito e privo di sostanza ma riempite del senso antico del ricordo e del riappropriarsi delle proprie radici.

Il tema di Willoke 2016 è: “territorio, cultura, integrazione”, chi poteva meglio rappresentare questi tre concetti se non Vinicio Capossela, che con la sua arte li fonde e li amplifica.

Lo street artist che ha realizzato l’opera, nonostante la sua giovane età, ha dimostrato in più occasioni di essere un grandissimo artista, in questa occasione si è superato, il suo indiscutibile talento è accompagnato da una precisione e cura dei dettagli quasi maniacale, la sua opera ci parla, ci guarda negli occhi, ci interroga.
La scelta dell’artista, del luogo e del soggetto ritratto sono stati una miscela esplosiva. Il muro non ha bisogno di commenti, si deve solo contemplare.
Willoke ringrazia Vinicio Capossela e come suo rappresentante in loco il Professore Alfonso Nannariello, per essersi fidati di noi, per aver saputo ascoltare la nostra proposta e nella loro estrema umiltà, che è propria dei grandi, dare a noi carta bianca per la realizzazione dell’opera.

Willoke ringrazia Jorit Agoch perché da grande artista quale è non si è fermato mai, davanti a nulla e ha avuto la sua “visione” fin dall’inizio, gli auguriamo di crescere sempre conservando la sua riservatezza che è la sua essenza.
Willoke ringrazia il Comune di Vallesaccarda, per averci ospitato e sostenuto, il sindaco Franco Archidiacono ed i suoi consiglieri, sono stati i primi a credere in noi e nel nostro progetto.

Willoke adesso sconfina in Puglia! Fate attenzione abitanti della Daunia, stiamo arrivando a portare colore nella vostra splendida terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *